30 agosto 2006

QUI & ORA



-----Messaggio originale-----
Da: Babel
Inviato: il 4 settembre 2006 al forum della newsletter

Non so cosa stia succedendo, ma è come se sapessi tutto, è come se avessi ricordato pensieri lontani di cui ero cosciente fin dalla nascita ...e ora sono di nuovo qui con me oggi.

Studiando l'immensità dell'universo le sue particelle, il sapere di essere parte di un plasma intelligente in perenne movimento, mi apre a verità più profonde.

Ora capisco di essere solo la punta di un iceberg, sotto vi è un mondo enorme in attesa di essere conosciuto. Siamo un canale di potenziale, una radio che trasforma e decodifica segnali ricevuti da chissà quale stazione radio: ve ne sono tantissime, probabilmente sta a noi sintonizzarci con quella che secondo la nostra evoluzione ci fa svegliare col sorriso sulle labbra e gioire del nuovo giorno.

Altri canali di consapevolezza sono pronti per noi. Nel momento in cui percepiamo nuove frequenze abbiamo la possibilità di scegliere nuovamente ed essere catapultati in una nuova dimensione dove nuovi pensieri vibrano con maggiore intensità e modificano la nostra struttura cellulare: ecco cosa si intende per salto quantico.

Ogni parte del nostro essere cambia; in una dimensione ove non esiste ne spazio ne tempo , e si dirige verso una nuova emittente radio. C'è un intelligenza nascosta in tutto questo, che guida i nostri pensieri, le nostre vite, le nostre scelte. Sono stadi di consapevolezza.

Siamo immersi in plasma di energia intelligente che non vediamo ma è ovunque intorno e dentro di noi. Risuoniamo come musica: all'inizio forse si fatica per trovare l'armonia fra le note, è una ricerca personale, ma poi tutto d'un tratto inizia un concerto di ineguagliabile bellezza: è come se diverse emittenti radio si fossero unite e sintonizzate alla perfezione per lasciar fluire musica.

Dobbiamo solo volerlo al resto ci pensa la parte sottostante dell'iceberg, di cui noi siamo un riflesso. Ciò che siamo oggi è il risultato di un lavoro fatto in questo luogo implicito in cui risiede il nostro potenziale quantico.

Dico nostro perché noi ne abbiamo il libero accesso in qualunque momento e in qualunque luogo. Questa non è fantascienza ma un altra realtà che uno decide consapevolmente di accettare per vera. Possiamo scegliere,siamo molto di più che un semplice corpo coi suoi bisogni fisiologici.

Fare certe letture ci apre la mente, ci aiuta a sintonizzarci con nuove stazioni radio, innalza le vibrazioni che non sono altro che pensieri pronti per noi, in attesa di essere decodificati e esplicitati in questa realtà che è una delle tante. Non credo serva una laurea , ma solo l'interesse e la curiosità di sapere di più!

Non siamo pazzi, ma persone normali che non hanno accettato una sola verità, andando oltre il velo dell'illusione per se stessi. Sì, perché in questo c'è profondo amore, è un regalo che decidiamo di farci.

Crediamo che sia per pochi, quando in verità è per tutti, ma ciò che occorre è aprire la mente a nuove possibilità, nuovi orizzonti sconosciuti ma ormai all'ordine del giorno. Non bisogna aver timore dell'immensità e dell'intelligenza che sta dietro le cose è come addentrarsi in un microcosmo di cui non riusciamo a percepirne i confini con questi occhi.

Bisogna iniziare a sviluppare nuovi strumenti più sottili e raffinati per poter capire......e come i gatti poter vedere anche al buio.

Dobbiamo sviluppare la vista! ...e ogni senso. Ecco perché vengono definiti extrasensoriali, vanno oltre, sono stati sviluppati, affinati a energie sottili del microcosmo. E quando ci accorgiamo di Lui : è contento!

L'interno di una stanza attraverso muri, oggetti, mobili ecc., delimita uno spazio, ma questo spazio non è vuoto! E' fatto di tutto, vive ! Non lo vediamo ma c'è!

Se chiudi gli occhi e ti lasci andare all'intelligenza che vive dentro di te inizi a percepirla, per alcuni sono stati di coscienza alterati, fantasie, per altri nuove consapevolezze. Siamo molto di più!!!

Non ci siamo mai permessi di aprirci a ricevere , non ci è mai stato insegnato, o meglio la cultura e la società in cui viviamo non ne è ancora consapevole. Solo pochi hanno iniziato ad aprirsi a tutto ciò.

Nella moltitudine, siamo come ricercatori impazziti che sono entrati in un ordine più ampio, in un sotto strato della coscienza dell'infinito invisibile a chi decide di percepire una sola realtà a cui siamo così legati, anzi aggrappati.

Quando si inizia a studiare l'Universo apri la porta all'inizio senza fine, ti senti parte del Tutto, apri la coscienza a ricevere messaggi e pensieri più ampi ...allora si che si può dire: "...puoi essere rinchiuso in un guscio di noce ma essere Re di infiniti spazi..." (Amleto).

L'illuminazione non è altro che apertura a questo infinito. Puoi essere un fisico, una casalinga o un impiegata, a nessuno è negato l'accesso: è di tutti!.. la differenza sta nel linguaggio di decodificazione, ognuno ha il suo particolare modo di ricevere ed esprimere verità sottili.

Il pensiero è la chiave! Noi non siamo altro che la loro rappresentazione. Credo che sia più potente del respiro stesso.

Ma cos'è il pensiero? Energia, vibrazione,frequenza. Il nostro cervello è una stazione radio che codifica segnali emessi dall'Universo, che ci dirige verso nuove possibilità, nuovi pensieri che si manifestano in questa realtà.

Ma allora qual'è quella vera ? ....Tutte!

Dipende da noi capire qual'è la migliore per la nostra evoluzione ...ma non preoccupatevi, l'intelligenza che c'è dietro ogni cosa sa ciò che deve fare e anche quando ci sembra di aver perso la strada qualcosa di inspiegabile ci ri-sintonizza verso pensieri più elevati su noi stessi per continuare questo meraviglioso viaggio.

Non accontentiamoci mai, e non prendiamo per buona una sola verità: cerchiamo la nostra nella vita di ogni giorno! Vivere è sperimentare, apprendere...non abbiamo mai smesso di andare a scuola!

Babel

7 commenti:

cuccinella ha detto...

Non ci sono commenti ma solo una grande avventura mentre sto ascoltando una bellissima musica. Sicuramente non è un caso. Grazie per esprimerlo così bene.

Bacioni

Cuccinella

SERE ha detto...

HO LETTO QUESTI PENSIERI E LI CONDIVIDO , MI SENTO PARTE DI UN TUTTO ANCHE SE OGNI TANTO MI SENTO SMARRITA E SOLA, MA SONO COMUNQUE CONSPEVOLE CHE L'UNIVERSO E' CON ME E DENTRO DI ME. CARI SALUTI SERE

babel ha detto...

Grazie,
leggere alcuni commenti mi hanno ricordato quanto sia bello condividere e aprire il proprio cuore, è un modo per risanare, guarire e affrontare i propri timori.babel

Anonimo ha detto...

Condivido le tue parole, poichè vivo appieno, in me quanto tu hai cosi chiaramente espresso.

neve ha detto...

Grazie Babel per le tue parole di grande consapevolezza e libertà. Stazione Celeste è stata per me la fonte di alcune canalizzazioni, ma sino ad oggi non mi ero ancora soffermata a leggere i blog o altre sezioni molto interessanti. è bello e utile condividere, sostiene e aiuta a sentirsi Uno con tutti e tutto. Un grande abbraccio

Anonimo ha detto...

Spero di riuscire un giorno a vivere la realtà così come la descrivi tu.
Per il momento purtroppo intuisco solamente che è possibile,però ci sto lavorando...

iani ha detto...

www.meditaioninlove.com

“L’uomo è misura di tutte le cose”
Socrate
Il sommo sacerdote egizio Ermete Trismegisto spiegava ai suoi giovani studenti che l’amore per sé è la chiave universale e diceva: “Ascoltate dentro di voi, e guardate nell’infinito dello spazio e del tempo. Là risuona il canto degli astri, la voce dei numeri, l’armonia delle sfere”.

Questo suscitava nelle loro anime un forte senso di appartenenza a un Grande Organismo di cui si sentivano parti indissolubili e integranti.
Vediamo insieme come l’uomo e l’universo siano Uno.
365 sono le ossa che compongono il corpo umano e 365 sono i giorni dell’anno.
L’uomo durante la giornata compie 25920 respirazioni, circa 18 al minuto.
La terra si divide in 25920 inspirazioni, dette primaverili, e 25920 espirazioni, dette autunnali.
25920 è il numero delle rivoluzioni compiute dalla terra intorno al sole, corrispondente all’anno cosmico.
25920 sono i giorni di vita medi di un uomo, pari a 72 anni.
25920 anni luce è la distanza del sole dal centro della galassia.
Il mese cosmico ha una durata di 2160 anni (25920:12).
Il giorno cosmico è di 72 anni (2160:30).
72 sono i battiti cardiaci al minuto nell’uomo, per la Terra diventano, (dati i dovuti rapporti e proporzioni), 72 in un anno, cioè 18 per ognuna delle 4 stagioni.
72% è la percentuale dell’acqua di cui è costituito il corpo umano.
Stessa percentuale di acqua la si trova sulla terra.
72 anni è la vita media degli esseri umani.
72 ore è il tempo necessario perché, nella fase di decesso, il corpo eterico dell’uomo si distacchi definitivamente dalla sua parte più fisica o materiale.
7200 sono i litri di sangue pompato ogni giorno dal cuore.
Il ritmo cardiaco dell’uomo è 4 volte superiore a quello respiratorio, dal momento che in un minuto si hanno 18×4=72 battiti.
Questa circostanza si lega alle 4 fasi del cuore, diviso in 4 parti, 2 ventricoli e 2 atri, prima che esso spinga il sangue nei polmoni.
Anche la terra ha le sue 4 fasi che le consente di restituire e di ricevere il Sole e il suo flusso energetico in modi diversi, durante il periodo delle 4 stagioni.
4 sono le fasi giornaliere di alta e bassa marea.
4 sono i punti cardinali.
4 sono le parti in cui si divide il cervello.
4 sono gli stati della materia.
4 sono le fasi della vita: eccitazione, espansione, contrazione e rilassamento.
4 sono le fasi di una galassia.
4 sono le ètà biologiche: adolescenza, maturità, senilità e vecchiaia.
23,5 sono i gradi di inclinazione del cuore umano e dell’asse terrestre.
Le corrispondenze biocosmiche e bioterrestri non sono finite qui, se si considera che nello sviluppo degli esseri viventi influiscono profondamente i 7 pianeti più importanti del sistema solare.
La Luna è 49(7×7) volte più piccola della Terra e compie i suoi cicli in un periodo di 28(7×4) giorni.
I giorni della settimana sono 7.
I chakra sono 7.
Il ciclo mestruale si ripete ogni 28(7×4)giorni, la gestazione che si conclude nel parto è di 280 giorni (7×40).
In fase di sviluppo e crescita l’organismo umano intorno ai 7 mesi pone i primi denti da latte.
Ogni 7 anni compie un ciclo psico-fisico.
Il fanciullo a 7 anni acquista i denti definitivi, a 14 (7x2) supera la pubertà, a 21 (7x3) completa il suo sviluppo.
7 sono le note musicali, gli elementi naturali e 7 sono i colori della fisica.
Ci sono così tante analogie che potrei continuare all’infinito, per esempio analizzando le caratteristiche strutturali e morfologiche che accomunano Cellule e Galassie in una stessa identità.
Le cellule e le galassie possono in genere assumere forme diversissime, sferica, ellittica,a spirale, regolare e irregolare.
Entrambe si presentano con un nucleo non sempre centrale ma spostato verso la periferia.
Altro elemento fondamentale è la tendenza che hanno tutte le galassie ad associarsi. In modo analogo le cellule si associano per formare tessuti e organismi pluricellulari.
E allora non serve molta fantasia nel vedere il sistema solare come un atomo gigante che gira.
Questa realtà svela l’inganno millenario. Ci siamo sentiti soli, infimi, separati dal tutto, ma non è vero.
L’Essere Umano è l’Universo che prende coscienza di sè stesso.
La vera saggezza consiste nel percepire l’Unicità conoscendo se stessi.
L’uomo prima di essere completo, manifesta gli stessi 7 difetti del suo occhio:
1. Vede altro ma non se stesso;
2. Non vede lontano, e nemmeno troppo vicino;
3. Non vede oltre una cortina;
4. Vede l’esterno e non l’interno;
5. Vede la parte e non il tutto;
6. Vede piccolo (il visibile) grande (l’invisibile);
7. Vede finito l’infinito.
Giordano Bruno diceva: c’è un’unica forza che unisce infiniti mondi e li rende vivi, l’Amore.
Per Dante Alighieri era “l’Amor che move il sole e altre stelle”.
Quello che dobbiamo capire è che con i nostri occhi vediamo solo lo 0.5% del tutto, con gli strumenti oggi a disposizione arriviamo al 5%.
La verità è che siamo ciechi ma la cosa meravigliosa è che il restante 95% possiamo sentirlo con il nostro cuore.
E’ l’Amore che gli scienziati chiamano “Forza debole” che dà vita a tutto.
Oppure possiamo chiamarlo “ordine implicato” come definito da David Bohm, quell’intelligenza che muove il tutto e non è visibile.
Il segreto sta nel guardarsi dentro,ascoltare la propria voce interiore e ricordare che l’unico vero maestro è l’Essere che sussurra al tuo interno, quella è la verità. Siamo divini, non dimentichiamolo mai.
Mi ha colpito molto una frase di Socrate che dice” Sapere è ricordare”. Con questa frase voleva dirci che nulla di nuovo può esserci insegnato perché dentro di noi sappiamo ogni cosa.
Voglio lasciarvi con una riflessione.
Il 95% di ciò che ci circonda è materia oscura;
il 95% dell’attività cerebrale non è correlata allo stato di veglia o “realtà fisica”;
Gli scienziati definiscono “dna spazzatura” il 95% del dna perché non sono a conoscenza di quale sia il suo ruolo.
Io penso che vada ridefinita la realtà così come noi la percepiamo oggi, e che non esiste il “dna Spazzatura” forze spazzatura è la cultura dominante su questo pianeta.
Vedo un infinito potenziale dentro di noi, finora inespresso. Adesso è il momento di svegliarci e di avere fiducia in noi stessi.